Saint-Véran

Situato a 2042m sul livello del mare, Saint Véran non si accontenta di essere il più alto comune d’Europa, ma è anche uno dei più bei villaggi di Francia. Chiamato un tempo Le Travers, visto il suo estendersi per più di un chilometro in diagonale lungo la montagna di Beaureguard, Saint Véran merita il titolo di comune più alto d’Europa : è il più alto villaggio in cui gli abitanti possono mangiare pane fatto con cereali raccolti nei campi circostanti.
Esposto a Sud, Saint Véran è baciato dal sole ; a testimonianza di questo, una ventina di meridiane sono disseminate in tutto il villaggio. 
Questo fu il primo villaggio abitato del Queyras, in tempi in cui lo sfruttamento della vicina miniera di rame era l’attività principale.
Diversi musei (museo del Soum e la vecchia casa tradizionale) ricostruiscono una storia locale particolarmente ricca : dalla struttura attuale del villaggio, strettamente legata alla necessità di limitare i danni in caso di incendio (i quartieri ben distinti sono dati dall’esigenza di limitare la propagazione delle fiamme), all’artigianato, passando per le diverse attività presenti come la scultura del legno, la costruzione dei tetti, l’agricoltura, etc... 
Saint Véran, in quanto collegato a quello di Molines, dispone del più grande complesso sciistico del Queyras : 36km di piste su un dislivello di più di 1000m. C’è di che soddisfare ogni sciatore, dal principiante allo sportivo!! 

Sci di pista, sci alpinismo, sci di fondo (30km di piste), e passeggiate a piedi o escursioni con le ciaspole, sono tutte attività che permettono di approfittare di grandi spazi di natura incontaminata e di paesaggi mozzafiato.
La popolazione, assai conviviale, inviterà il turista a godere a pieno di questo autentico villaggio, “dove i galletti beccano le stelle” (“Le pays où les coqs picorent les étoiles” è il motto ufficiale del villaggio).